Annabella Stropparo, incontenibile: sua anche la Trevallibikefun

Tregnago (Verona) – La fortissima biker, in forza al team Scapin – Tek Series, mette in bacheca il suo secondo successo alla Trevallibikefun.

Dopo l’esordio vincente nella sua “prima race” stagionale in quel di Bardolino sul lago di Garda … si ripete anche in terra di Lessinia (le Piccole Dolomiti con il Carega) e sempre nel veronese, andando a conquistare anche la blasonata “granfondo” più partecipata d’Italia (con ai nastri di partenza quasi 2400 concorrenti provenienti da tutta Italia) a Tregango.



Da ricordare che la Trevalli (il termine deriva dalle tre vallate attraversate dalla gara, ovvero Illasi, Tramigna e Mezzane) era anche valida come prova di esordio per alcuni importanti “challenge” nazionali e cioè: Lessinia Tour Fir Mtb Cup, Bike World Zero Wind, Easy Cup e Mtb Tour Toscana (gara jolly).

43 chilometri per quasi 1300 metri di “positivo” (il dislivello) per l’esattezza 1290 (41% di salita, 35 % di discesa e 24% di falsopiano) … questi i dati tecnici della “granfondo” veneta; una “cavalcata”, pardon una pedalata trionfale quella della Stropparo che - una volta tagliato il traguardo – ha fatto segnare un “time”, a dir poco sensazionale: 1h. 55’ 24” ad una media di poco superiore ai 22 chilometri/ora (22,36) … ogni aggiunta è superflua!

Con un aggettivo: fenomenale (come dice la nostra Gianna Nannini “nazionale” nel suo ultimo successo canoro); per dovere di cronaca l’anno scorso (2017) aveva chiuso “race” appena sopra le due ore (2h. 02’). Alle sue spalle distanziate di oltre tre/quattro minuti la seconda, la forte russa Medvedeva (1h. 59’ 14”) e terza la giovanissima campionessa italiana junior, Marika Tovo (2h. 02’ 46”).

Ai microfoni dello speaker ufficiale della manifestazione, Silvio Mevio di speakerperlosport.it Annabella ha rilasciato questa breve intervista …

<<Pronti, via, gara tirata tutta d'un fiato; percorso in ottime condizioni, asciutto, ma che non lasciava mai un attimo di respiro! La mia condizione questa settimana non era ottimale, ma per come stavo posso dire di essere contenta del risultato. C'è ancora molto da lavorare … ma siamo sulla buona strada. Dopo la pausa “attiva” di Pasqua, mi aspetta il prossimo appuntamento, ovvero la prima tappa degli IMA Scapin in Toscana e precisamente in quel della valle di Merse (Rosia - Siena). Sono contenta per questo secondo successo – consecutivo - nel giro di una sola settimana … anche e soprattutto per i miei sponsor e per la famiglia Pagani che hanno creduto in me; è un piacere ripagarli con due belle vittorie consecutive>>.

A margine di queste brevi righe aggiungiamo anche una notizia riguardante gli altri atleti in forza al team di Annabella Stropparo (lo Scapin – Tek Series) e cioè: Giovanni Galli (Gentleman2) e Massimiliano Ranesi (Veterani2) i quali hanno gareggiato sempre domenica 25 marzo 2018 in quel di Ello (Lecco), in occasione del “challenge” Master Cicli Pozzi (cross country – seconda prova circuito – terzo trofeo alla memoria di Corrado Colombo) targato 2018, ottenendo - rispettivamente - un quarto ed un settimo posto di categoria; bravi et complimenti!

Come abbiamo avuto modo di sentire dalle parole di Annabella, il suo prossimo impegno agonistico sarà in terra toscana con la prova di esordio degli Scapin IMA (Italian Mtb Awards) a Rosia (Siena), in occasione della blasonata marathon (edizione 14° con 71 chilometri e un dislivello positivo di 2000 metri) Val di Merse (otto aprile 2018) che tra l’altro, oltre al sopra ricordato “challenge”, appartiene anche al circuito toscano Mtb Tour Toscana e Ciclo Promo Appennino Superbike targato 2018!
« back to news